It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Vettori aerei Usa: volano in borsa nonostante cancellazioni

Investitori prevedono rimbalzo domanda globale viaggi nel 2022

Per gran parte del 2021 il valore delle azioni in borsa dei vettori aerei statunitensi è crollato a causa della pandemia di coronavirus che, per via della rigida chiusura dei confini, ha costretto a terra migliaia di velivoli e milioni di passeggeri. Basti pensare a Southwest Airlines e Spirit Airlines che hanno perso rispettivamente l'8% ed il 10%, mentre Delta Air Lines e JetBlue sono riuscite a limitare i danni. Adesso però qualcosa è cambiato in meglio. È quanto emerge dalla tendenza dei titoli azionari di Delta Air Lines, American ed United Airlines. 

Cosa è successo? Gli investitori scommettono su un rimbalzo dei viaggi entro la fine dell'anno. Gli analisti di Mkm partners, ad esempio, sono particolarmente ottimisti riguardo le azioni delle compagnie poiché prevedono una ripresa globale della domanda di viaggi aerei entro la fine di quest'anno appena iniziato. Secondo gli esperti, infatti, nei prossimi 12 mesi negli Stati Uniti si raggiungerà il volume di passeggeri trasportati nel 2019. Gli investitori puntano soprattutto su Delta, Alaska, American ed United. 

E questo nonostante gli oltre 19 mila voli cancellati negli ultimi 10 giorni, a partire dalle festività natalizie. Insomma, è probabile che la variante Omicron influirà sui risultati finanziari delle compagnie durante il primo trimestre 2022, tuttavia non appena i Paesi riallenteranno le restrizioni di viaggio, i voli internazionali riprenderanno ad un ritmo mai visto. La previsione degli analisti sposa quella delle aviolinee che sono alla disperata ricerca di piloti, ai quali offrono una paga tripla per non dover cancellare i voli causa carenza di personale.

Gic - 1241354

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Similar