Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Polonia: incidente aereo di Smolensk era attentato

Risultato commissione inchiesta sul disastro in cui perse la vita il presidente Kaczynski

Non un incidente ma un attentato. È la tesi della commissione governativa di inchiesta che punta a fare riaprire il caso dell'incidente aereo di Smoleńsk, in Russia, in cui morirono 96 persone. Era il 2010: a bordo anche l'allora presidente polacco Lech Kaczyński e sua moglie Maria; insieme a loro c'erano anche tante altre personalità di spessore, tra cui l'ex-capo dello Stato in esilio, Ryszard Kaczorowski, il capo di Stato maggiore dell'esercito polacco, il presidente della banca nazionale, funzionari di governo e 18 parlamentari.

Il gruppo si trovava a bordo di un velivolo Tupolev Tu-154 dell'aeronautica militare decollato da Varsavia e diretto a Smolensk, dove avrebbe dovuto partecipare ad una commemorazione del 70esimo anniversario del massacro di Katyn, del 1940, ad opera della polizia segreta sovietica. 

Ora, secondo la commissione parlamentare d'inchiesta "la vera causa della catastrofe sono state due esplosioni avvenute mentre il velivolo era nella fase finale del volo". Una tesi che smentisce le indagini iniziali, che avevano dato le colpe del disastro al maltempo ed agli errori dei piloti polacchi ai comandi ed ai controllori del traffico aereo russi. Tutto nasce dalla scoperta di tracce di esplosivo su dei frammenti dell'aereo.

Sullo stesso argomento vedi anche le notizie pubblicate da AVIONEWS e 2.

Gic - 1243707

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili