Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Incidente aereo in Cina: dettagli sullo schianto

Secondo una ricostruzione il velivolo perdeva pezzi già mentre precipitava

L'aereo B-737/800 di China Eastern Airlines partito da Kunming e diretto a Guangzhou (volo MU5735) schiantatosi al suolo il 21 marzo scorso, con 132 persone a bordo, mentre precipitava avrebbe raggiunto la velocità del suono, iniziando a perdere pezzi prima di urtare le montagne del Guanxi. Un dettaglio in più per il team di investigatori a cui il governo cinese ha affidato le indagini sull'incidente aereo.

È quanto emerge da una ricostruzione elaborata dal quotidiano "Il Corriere della Sera", secondo cui il velivolo avrebbe raggiunto i 1125 chilometri orari mentre discendeva in picchiata ad un'altitudine di 2390 metri. Una situazione che trova conferma anche nella ricostruzione fatta dall’agenzia di stampa "Bloomberg". Si tratta di una velocità che oltrepassava quella massima stimata per garantire la tenuta strutturale dell'aeromobile. 

Stando alla ricostruzione, quindi, un minuto prima di schiantarsi il B-737/800 aveva toccato una velocità record di 0,945 Mach, vicina alla barriera del suono. Cosa che ha comportato il distacco dell’estremità di un’ala ritrovata ad alcuni chilometri di distanza dal luogo dell'impatto. Resta da capire la causa dell'incidente: un guasto tecnico o un gesto volontario del comandante, Yang Hongda, e cosa avrebbe fatto il copilota, Zhang Zhengping? Tante domande a cui si cercherà di rispondere nelle prossime settimane e mesi. 

Sullo stesso argomento vedi anche le notizie pubblicate da AVIONEWS 1 e 2.

Gic - 1243333

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Simili