Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Aereo supersonico Boom fa un passo avanti

Apre primo stabilimento e riceve anche pre-ordine da Usaf

L'azienda statunitense Boom Supersonic, impegnata nello sviluppo di un aereo supersonico per il trasporto di passeggeri, ha annunciato in questi giorni l'apertura della sua prima fabbrica. Uno stabilimento all'avanguardia situato nei pressi dell'aeroporto di Greensboro, in North Carolina, Stati Uniti. 

Si tratta di un ulteriore passo avanti lungo la strada tracciata del rilancio di un velivolo che nella silhouette ricorda il Concorde, ritirato dai cieli nel 2003. Inoltre il 22 gennaio la Us Air Force, che prevede di farne un aereo presidenziale accanto al B-747 Air Force One, ha stanziato 60 milioni di dollari di finanziamento per un pre-ordine. 

Secondo il piano dell'azienda l'aereo supersonico di Boom dovrebbe lasciare l'impianto nel 2025 e fare il suo primo volo di prova nel 2026, mentre l'entrata in servizio è prevista per il 2029. L'azienda statunitense ha avviato questo progetto nel 2014, poco più di un decennio dopo la scomparsa dell'anglo-francese Concorde. 

Il programma di questo piccolo jet da 55 posti è accolto con scetticismo da alcuni esperti. Il velivolo ha attirato l'attenzione dell'aviolinea americana United Airlines, con cui la scorsa estate ha firmato un accordo commerciale per 15 pre-ordini per un valore da 3 miliardi di dollari al prezzo di listino. A condizione che siano soddisfatti criteri di sicurezza, operativi, di rumore ed ambientali. Un interesse che si aggiunge a quello delle compagnie Japan Airlines e Virgin. Gli investitori ora si augurano che l'azienda persegua con ostinazione il sogno di riportare in vita il Concorde.

Gic - 1241905

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili