Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Fincantieri: approvati bilancio consolidato e progetto di bilancio di esercizio 2020

2021 segna ripresa verso crescita sulla rotta già intrapresa nel 4Q2020; convocata assemblea azionisti -ALLEGATO

Il consiglio di amministrazione di Fincantieri SpA, riunitosi sotto la presidenza di Giampiero Massolo, ha approvato il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2020 ed il bilancio consolidato al 31 dicembre 2020 redatti in conformità ai principi contabili internazionali (Ifrs), nonché la dichiarazione non finanziaria al 31 dicembre 2020, redatta ai sensi del DLgs del 30 dicembre 2016, n. 254. 

L’esercizio 2020 riflette un anno fuori dall’ordinario, caratterizzato da una pandemia che ha colpito l’economia a livello globale e che ha impattato Fincantieri con una perdita di produzione del 20% rispetto a quanto programmato. Il quarto trimestre conferma il recupero produttivo del Gruppo che nel 2021 riprenderà il percorso di crescita con il miglioramento della marginalità ed il ritorno all’utile. 

Risultati consolidati 2020

Andamento operativo

  • Rispettate le consegne programmate delle unità cruise, sia pure con lo slittamento dei programmi produttivi: 7 unità cruise consegnate di cui 4 nel secondo semestre, in piena pandemia, inclusa la centesima nave da crociera costruita da Fincantieri, Enchanted Princess, per Princess Cruises, brand del gruppo Carnival
  • Nessuna cancellazione degli ordini e proseguimento del programma produttivo rimodulato a seguito del fermo delle attività nei cantieri italiani avvenuto nel primo semestre del 2020
  • Q4 2020: confermata la performance operativa con ricavi, pari ad Euro 1657 milioni (escluse le attività passanti), ed Ebitda, pari ad Euro 114 milioni (+42% e +40% rispetto ai già positivi risultati del Q3)
  • Solida posizione patrimoniale: liquidità e linee di credito disponibili per Euro 2,3 miliardi, sufficienti per fronteggiare le necessità finanziarie del Gruppo
  • Carico di lavoro complessivo per 116 navi, con consegne fino al 2029, ed Euro 35,7 miliardi, pari a 6,1 volte i ricavi, di cui soft backlog per circa Euro 7,9 miliardi
  • Ordini acquisiti pari ad Euro 4,5 miliardi per 18 unità di cui 5 militari e 2 per operazioni in campi eolici marini
  • Consegnate 19 unità da 11 cantieri, di cui 7 cruise, incluse 2 expedition cruise, e 4 militari
  • Creati in Italia oltre 500 posti di lavoro direttamente e 2.500 nell’indotto con l’incremento degli organici
  • Investimenti effettuati per euro 309 milioni: proseguono i lavori di efficientamento operativo nei cantieri italiani e nei cantieri esteri (Norvegia, Romania e Stati Uniti)

Andamento economico-finanziario

  • Ricavi, pari ad Euro 5191 milioni, escluse le attività passanti, -11% rispetto ai ricavi 2019 (Euro 5849 milioni). I ricavi scontano gli effetti Covid-19 con perdita di 3,2 milioni di ore di produzione (-20% rispetto alle previste) nei siti italiani del Gruppo e differimento del valore della produzione di Euro 1055 milioni
  • Ebitda, Euro 314 milioni (Euro 320 milioni nel 2019) ed Ebitda margin 6,1%, escluse le attività passanti (5,5% nel 2019). Mancata contribuzione, per slittamento dei programmi produttivi, di Euro 80 milioni
  • Vard conferma Ebitda in sostanziale pareggio come risultato delle operazioni di ristrutturazione e di allineamento alle best-practice italiane, avviato nel corso del 2019
  • Risultato d'esercizio negativo per Euro 245 milioni (negativo per Euro 148 milioni nel 2019) al netto di oneri connessi al Covid-19 (Euro 196 milioni) ed oneri su contenziosi per amianto (Euro 52 milioni) e risultato d’esercizio adjusted negativo per Euro 42 milioni (negativo per Euro 71 milioni nel 2019) in miglioramento nonostante gli effetti della pandemia
  • Indebitamento finanziario netto per Euro 1062 milioni (Euro 736 milioni al 31 dicembre 2019), in miglioramento rispetto al Q3, riflette l’evoluzione tipica del capitale circolante della costruzione di navi da crociera. Tale dinamica è accentuata sia dallo slittamento di parte degli incassi di rate in corso di costruzione (per circa Euro 450 milioni), che rientra nella strategia di Fincantieri di supporto agli armatori per salvaguardare il carico di lavoro acquisito, sia dagli investimenti per aumentare l’efficienza, la capacità produttiva e la sicurezza dei cantieri del Gruppo

Aggiornamento Covid-19

  • Principali operatori crocieristici: ripresa attività prevista per la tarda primavera 2021 e livelli di prenotazioni pari a quelli storici per la seconda metà del 2021 
  • Comprovata efficacia delle misure adottate a salvaguardia della salute e sicurezza delle persone: mantenimento dei contagi al 4% fra tutte le persone impegnate nei cantieri e negli stabilimenti italiani del Gruppo e al 91% la soddisfazione del personale per l’impegno profuso 

Iniziative strategiche

  • Consolidamento nel settore militare in ambito nazionale ed internazionale: 
  • Italia: nuove unità destinate alla Marina militare italiana – due nuove Fremm e due sommergibili
  • Europa: Naviris, jv paritaria con Naval Group, è operativa e prosegue nello sviluppo dei primi ordini ricevuti. Firmato, nei primi mesi del 2021, il Mou per il progetto European Patrol Corvette
  • Us: Fincantieri Marinette Marine è prime contractor nel programma FFG(X) per la Us Navy. Il contratto prevede la costruzione dell’unità capoclasse e le opzioni per ulteriori 9 unità che, se esercitate, porteranno il valore del contratto a USD 5,5 miliardi e visibilità fino al 2035
  • Vard entra in nuovi settori dell’industria marittima intraprendendo un percorso di crescita sostenibile:
  • Energie rinnovabili: proseguono gli ordini per unità di supporto alle attività in campi eolici marini
  • Unità unmanned: ordine per sviluppo e produzione di otto unità unmanned per servizi marittimi in Usa ed Uk. Saranno predisposte anche per l’utilizzo di ammoniaca verde come combustibile
  • Rafforzamento settore delle grandi infrastrutture ed opere marittime oltre all’acquisizione di Inso e Sof, società attive nella costruzione di ospedali. Si ricorda, a riguardo, la costruzione del Ponte San Giorgio a Genova, consegnato in tempi record dalla controllata Fincantieri Infrastructure 
  • Fincantieri NexTech (ex-Insis), società di tecnologia avanzata dotata di competenze che spaziano dalla cybersecurity ai sistemi di sicurezza e telecomunicazione, ha firmato con Autostrade Tech, società del Gruppo Aspi, ed Ibm un accordo pluriennale relativo a un sistema di nuova generazione per il monitoraggio e la sicurezza delle infrastrutture autostradali italiane
  • Sostenibilità in Fincantieri:
  • Impegno del Gruppo nuovamente riconosciuto da CdP e Vigeo Eiris, attribuendo rispettivamente il rating di A- e collocando Fincantieri nel range “Advanced” 
  • Aggiudicazione, sia nella sezione nazionale che internazionale delle Global Companies, del premio Mike per l’approccio strategico di Fincantieri, orientato al futuro, e per la sua vision improntata alle sfide di sostenibilità ed innovazione
  • Trasparenza e completezza di informazioni: questi gli elementi che hanno portato il bilancio di sostenibilità di Gruppo a vincere il premio Oscar di bilancio, edizione 2020

Delibere del consiglio di amministrazione 

  • Approvazione del progetto di bilancio di esercizio di Fincantieri SpA al 31 dicembre 2020
  • Approvazione del bilancio consolidato al 31 dicembre 2020
  • Approvazione della dichiarazione non finanziaria al 31 dicembre 2020, redatta ai sensi del DLgs del 30 dicembre 2016, n. 254 
  • Assemblea ordinaria degli azionisti in unica convocazione in data 8 aprile 2021.

A margine della riunione del consiglio Giuseppe Bono, amministratore delegato, ha commentato: “Nel 2020 la pandemia ha messo a durissima prova l’economia mondiale, senza risparmiare alcun settore, tanto meno la grande industria. In questo scenario abbiamo dimostrato una notevole capacità di risposta riprogrammando le nostre produzioni anche con la revisione dei processi organizzativi. I risultati del quarto trimestre consolidano il miglioramento già registrato in quello precedente come testimoniato dall’acquisizione di nuovi ordini per 4,5 miliardi di Euro, dalla conferma del carico di lavoro complessivo che supera i 35 miliardi e dalle 97 navi con consegne fino al 2029. Possiamo quindi dirci molto soddisfatti della reazione del Gruppo, che grazie ai solidi rapporti con i clienti ha potuto consegnare 7 navi da crociera e ha conseguito successi importantissimi nel militare, a partire dalla storica commessa per le fregate della Us Navy. Inoltre, sempre nel 2020, abbiamo continuato ad indirizzarci verso comparti ad alta tecnologia, cito per tutti quello delle infrastrutture con il nuovo ponte di Genova con il quale abbiamo dato prova delle nostre capacità di realizzare prodotti molto complessi nei tempi previsti". Bono ha poi concluso: “Di pari passo con i progressi attesi dal mondo scientifico in tema di cure e vaccinazioni, ci aspettiamo per l’anno in corso una crescita di oltre il 25%, garantita dall’elevato numero di ordini in portafoglio ed un ritorno all’utile con il miglioramento della marginalità".

Allegata a questa AVIONEWS la versione integrale del resoconto (34 pagine, con tabelle).

red - 1235121

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Simili