Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Operazione "Irini": dall’Italia la nave ammiraglia

Ma anche aerei, elicotteri, Uav, sottomarini

La nave "San Giorgio" della Marina militare italiana entra nell’operazione Eunavfor Med "Irini" come flagship. Da questa nave, il Force Commander, il comandante in mare, il contrammiraglio Ettore Socci, guida gli assetti schierati nell’area di operazione. Oltre al "San Giorgio", l’operazione "Irini" può contare sulla fregata greca "Spetsai" e sugli aerei da pattugliamento marittimo francese, greco, lussemburghese, polacco e tedesco già attivi nell’area. Sulla nave ammiraglia (flagship) c’è un punto medico avanzato (Role 1).

Dalla metà di ottobre il Force Commander, assieme alla flagship, saranno forniti dalla Grecia.

Il "San Giorgio" ha a bordo un elicottero EH-101 ed un team della Brigata Marina "San Marco", idoneo a svolgere abbordaggi anche in caso di atteggiamento non cooperativo da parte del mercantile da ispezionare.

L’Italia fornisce all’operazione anche un Aeromobile a pilotaggio remoto (Apr) in supporto diretto oltre alle basi militari logistiche ed operative di Augusta, Pantelleria e Sigonella.

Un aereo da pattugliamento marittimo P-72, un velivolo Air Early Warning (Aew) ed un sottomarino in supporto associato saranno inoltre disponibili occasionalmente.

In totale sono una ventina i Paesi dell’Unione europea che hanno aderito, con uomini e/o mezzi, alla missione, che può contare anche sul supporto delle immagini satellitari fornite dal centro satellitare dell'Unione europea (Eu SatCen).

Galleria fotografica Nave "San Giorgio" della Marina militare italiana
red - 1230733

AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency
Collegate
Simili