Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Nuova infezione da coronavirus, il punto della situazione

La nota emessa dal ministero della Salute -ALLEGATO

L’Italia (aeroporto di Roma-Fiumicino) ha tre voli diretti con Wuhan, e numerosi collegamenti non diretti, il cui traffico di passeggeri dovrebbe aumentare in occasione del capodanno cinese

Il 31 dicembre 2019 la commissione sanitaria municipale di Wuhan (Cina) ha segnalato all’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) un cluster di casi di polmonite ad eziologia ignota nella città di Wuhan, nella provincia cinese di Hubei. La maggior parte dei casi aveva un legame epidemiologico con il mercato di Huanan Seafood, nel sud della Cina, un mercato all'ingrosso di frutti di mare ed animali vivi.

Il 9 gennaio 2020, il Cdc cinese ha riferito che è stato identificato un nuovo coronavirus (2019-nCoV) come agente causale ed è stata resa pubblica la sequenza genomica.

Al 17 gennaio 2020, sono stati segnalati 44 casi confermati di infezione da 2019-nCoV, 41 casi da Wuhan, Cina e tre associati a viaggi: due dalla Thailandia ed uno dal Giappone. Il 20 gennaio è stato confermato un caso in Corea del Sud.

La probabilità di introduzione del virus nell'Unione europea è considerata bassa, anche se non può essere esclusa.

In Italia è attiva una rete di sorveglianza delle gravi infezioni respiratorie acute (Sari) e delle sindromi da distress respiratorio acuto (Ards).

La situazione è costantemente monitorata dal ministero, che è in continuo contatto con l’Oms e l’Ecdc (European Centre for Disease Prevention and Control), e pubblica tempestivamente ogni nuovo aggiornamento sul suo portale.

L’Italia (aeroporto di Roma-Fiumicino) ha tre voli diretti con Wuhan, e numerosi collegamenti non diretti, il cui traffico di passeggeri dovrebbe aumentare in occasione del capodanno cinese. Come previsto dal Regolamento sanitario internazionale (2005) (Rsi), presso lo scalo romano è in vigore una procedura sanitaria, gestita dall’Usmaf Sasn, per verificare l’eventuale presenza a bordo degli aerei provenienti da Wuhan di casi sospetti sintomatici ed il loro eventuale trasferimento in biocontenimento all’Istituto nazionale malattie infettive "L. Spallanzani" di Roma.

Sull'argomento vedi anche le notizie pubblicate da AVIONEWS 1 e 2.

Allegata a questa AVIONEWS la locandina con i consigli ai viaggiatori (due pagine, in italiano ed in inglese). 

Allegati
red - 1227190

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Collegate
Simili