It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Crisi trasporto aereo: manifestano in 500 all'aeroporto "Da Vinci"

La solidarietà della Giunta comunale di Fiumicino

Misure di sostegno adeguate per il rilancio di un "comparto strategico" e dei suoi addetti a seguito della crisi del trasporto aereo conseguente l'emergenza Covid-19: questo è quanto hanno chiesto in almeno 500 stamattina tra lavoratori e precari (tra i quali anche dipendenti Alitalia), manifestando all'aeroporto di Roma-Fiumicino all'esterno del termonal 3 dalle 10:30 alle 12:30. 

L'agitazione, che si è svolta in maniera ordinata e responsabile all'insegna di slogan come tra gli altri "I lavoratori non pagheranno questa crisi", "Alitalia unica no holding" e "Ripartiamo in sicurezza", è stata organizzata dalle Segreterie regionali e provinciali del Trasporto aereo di Filt-Cgil, Fit-Cisl, UilTrasporti e Ugl Trasporto Aereo.

"All'aeroporto di Fiumicino sono presenti oltre 15mila lavoratori del Trasporto aereo: soltanto Alitalia ne conta 12mila. Si tratta di persone e famiglie fortemente preoccupate per la ripresa di un settore che non può restare invisibile -hanno affermato alternandosi al microfono i rappresentanti sindacali delle suddette sigle-. Si tratta di una crisi che non può essere sottostimata, e che soprattutto non può essere pagata a caro prezzo dai dipendenti, adesso in cig e operativi soltanto per poche ore: molti di loro, ancora in attesa dell'erogazione degli ammortizzatori sociali, sono senza risorse economiche da mesi".

Ancora più preoccupante è la situazione riguardante gli stagionali: "Persone fondamentali per l'efficienza del comparto nei periodi di picco, per le quali al momento non è prevista alcuna forma di sostegno. Abbiamo fatto presente alla Regione Lazio che si tratta di una situazione inaccettabile, senza ottenere risposte adeguate. Come possono fare queste famiglie a tirare avanti?".

I manifestanti, che hanno visto la presenza anche diversi deputati tra quali il vicepresidente della Camera Fabio Rampelli, e delegazioni di vari partiti, rappresentanze sindacali romane e regionali e forze politiche territoriali, hanno potuto contare anche sulla solidarietà del consiglio comunale di Fiumicino che ha sospeso la seduta consiliare iniziata stamattina alle 9, per "l’importanza che ha supportare le proteste dei migliaia di lavoratrici e lavoratori fortemente preoccupati per il loro futuro". "Abbiamo chiesto di votare prima l’ordine del giorno a tutela dei lavoratori stagionali dell’aeroporto, e di sospendere la seduta per partecipare alla manifestazione indetta dai sindacati per oggi proprio davanti al terminal 3 del 'Leonardo Da Vinci'", hanno dichiarato coralmente i capigruppo di maggioranza Paola Magionesi, Barbara Bonanni, Angelo Petrillo, Ciro Sannino, Claudio Cutolo, e Maurizio Ferreri a margine del consiglio comunale. "Una decisione, quella di chiedere al presidente di sospendere la seduta, già presa qualche giorno fa".

SaM - 1230572

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Similar