It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Hong Kong minaccia lo stato di emergenza

Carrie Lam nega: mai voluto rassegnare dimissioni - VIDEO

La Cina il 3 settembre ha mandato un ultimatum ai manifestanti di Hong Kong, minacciando di dichiarare lo stato di emergenza qualora non si placassero le proteste (vedi AVIONEWS) facendo riferimento all'articolo 18 della "Basic law", la legge fondamentale della Regione amministrativa speciale di Hong Kong della Repubblica popolare cinese.  

Cheng Yuet-ngor, nota più comunemente con l'alias inglese di Carrie Lam e capo esecutivo della ex-colonia britannica, si trova ora con le spalle al muro a dover gestire i disordini, con oltre 1100 persone arrestate ed il fantasma sempre più concreto della recessione. In una registrazione di "Reuters" durante un meeting privato si sentirebbe la leader cinese dichiarare: "se avessi scelta la prima cosa che farei è dimettermi"; inoltre ha aggiunto di "non aver mai voluto rassegnare le dimissioni", ma non ha negato l'autenticità della registrazione.

Sotto, un video della "Bbc" su Carrie Lam:
 

RC3 - 1224067

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl