It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Interrogazione su Air Italy e regime di continuità territoriale

Presentata dall'onorevole Salvatore Deidda (FdI)

"Al ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, al ministro dello Sviluppo economico, al ministro del Lavoro e delle politiche sociali. 

Per sapere, premesso che:

la società Air Italy, vettore aereo italiano nato nel 2018 da Meridiana SpA, già Alisarda, a sua volta fondato nel 1963 al fine di promuovere il turismo in Sardegna, attualmente ha la propria sede legale in Sardegna, ad Olbia, ed occupa più di 500 dipendenti, molti dei quali residenti, unitamente alle rispettive famiglie, proprio nella medesima regione;

fino al 17 aprile 2019, la suddetta compagnia ha gestito una parte delle tratte previste in regime di continuità da e per la Sardegna verso gli aeroporti di Fiumicino e Linate ed, a seguito degli esiti della nuova gara per la continuità territoriale –la quale ha determinato l'aggiudicazione di tutte le rotte in favore di Alitalia– ha recentemente accettato di operare i voli in continuità territoriale da e verso Olbia senza compensazione economica, al fine di mantenere la propria base in Sardegna e di tutelare i livelli occupazionali;

a fronte della suddetta offerta per la gestione delle due tratte senza compensazione, Alitalia ha, a sua volta, proposto le medesime condizioni, così che le due compagnie, a questo punto, avrebbero dovuto procedere, in accordo, alla spartizione dei relativi voli;

nonostante lo sforzo fatto dal presidente della Regione Sardegna, finalizzato al raggiungimento di un accordo bonario tra i due vettori aerei, la società Air Italy ha annunciato di non poter accettare la proposta avanzata dall'amministrazione regionale, in quanto la gestione delle due tratte senza compensazione non risulterebbe economicamente sostenibile in caso di condivisione delle rotte con altro vettore;

tale situazione ha determinato un'assoluta incertezza sul futuro della citata compagnia con conseguenti, gravi ripercussioni anche per le centinaia di dipendenti e le rispettive famiglie residenti in Sardegna, nonché per l'intero sistema economico sardo, che potrebbe veder ulteriormente peggiorare la propria, già non rosea, situazione, anche in ragione dell'imminente stagione estiva;

il Governo, nelle more dell'avvio dell'annunciato tavolo di concertazione con la partecipazione di tutti i soggetti istituzionali e privati interessati, potrebbe, con proprio provvedimento, prorogare il previgente sistema di continuità territoriale, salvaguardando così gli attuali livelli occupazionali della citata compagnia, nonché il proficuo svolgimento della prossima stagione estiva, ormai alle porte–:

se siano a conoscenza dei fatti sopraesposti e quali iniziative di competenza intendano assumere, nelle more dell'avvio dell'annunciato tavolo di concertazione, al fine di garantire gli attuali livelli occupazionali della citata compagnia, nonché il proficuo svolgimento della prossima stagione estiva, ormai alle porte". (4-02749)

red - 1220963

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl
Similar