It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

La Tanzania ha bisogno di aerei cargo

Lo chiedono i coltivatori per l'export verso Europa, Asia, Americhe

Gli agricoltori degli altopiani meridionali della Tanzania hanno rinnovato il loro appello al governo per avviare un collegamento aereo cargo che faciliti  il trasporto di prodotti verso i mercati nazionali ed esteri. I coltivatori sostengono che le vendite locali di prodotti ortofrutticoli non hanno raggiunto il picco previsto per la mancanza di trasporti efficienti. Questi si dicono convinti che raggiungere i mercati esterni al momento giusto laddove la richiesta di prodotti tanzaniani è più alta, potrebbe aiutare il sottosettore a crescere più velocemente. 

Secondo Hadija Jabir, portavoce dei coltivatori della regione sud-occidentale di Iringa,  i mercati in tal senso più proficui sono quelli d'Europa, Asia e Americhe. Gli agricoltori, ha riferito la Jabir,  chiedono voli diretti tra l'area e i mercati esteri. "La produzione è cresciuta e siamo consapevoli di quali sono i mercati  pronti a riceverla, ma non possiamo raggiungerli per mancanza di voli diretti. Chiediamo al governo e al presidente John Magufuli, di intervenire con misure anche provvisorie. "Si potrebbe prendere in considerazione l'ipotesi di noleggiare aerei-merci per i prodotti della Tanzania", ha detto. 

Magufuli ricopre anche la carica di presidente del Consiglio nazionale delle imprese della Tanzania (Tnbc). Nel loro appello i coltivatori lamentano anche che l'aeroporto di Songwe manca ancora di celle frigorifere per conservare i prodotti ortofrutticoli, e non ci sono voli diretti da quell'aeroporto verso i mercati esteri. I prodotti della zona, ha spiegato la Jabir, vengono portati a Dar es Salaam e poi reindirizzati  verso gli acquirenti stranieri, aumentando i costi a carico dei coltivatori e rendendo i prodotti della Tanzania non competitivi sui mercati esteri. Lampante è l'esempio degli agricoltori kenioti, che hanno un vantaggio competitivo sui mercati esteri perché, spendono molto meno denaro per trasportare i loro prodotti attraverso gli aerei cargo di Kenya Airways. 

Questa è la seconda volta che i coltivatori fanno pressioni affinché il governo prenda misure volte a facilitare la commercializzazione e l'export dei  prodotti interni; rendere facile l'accesso ai mercatii esteri è una mossa che aumenterà anche i guadagni del Paese, dicono. Già il mese scorso nel corso dell'undicesima riunione del Tnbc la portavoce aveva illustrato il problema chiedendo un intervento urgente sia per quanto riguarda il mercato interno che quelli esteri.

cla/mos - 1211063

© AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency Srl